Uno studio non fa primavera. La difficile arte di decifrare il consenso scientifico

img
Effetto di diversi alimenti sul rischio di cancro. Ogni puntino rappresenta uno studio scientifico. Fonte: ''American Journal of Clinical Nutrition'', 2013.
Ma il caffè fa bene o fa male? È vero o no che mezzo bicchiere di vino al giorno allunga la vita? E l’olio di palma è pericoloso oppure si può consumare tranquillamente? Se vi sentite confusi dalle notizie contrastanti su alimentazione e salute, sappiate che siete in nutrita compagnia. Il problema è talmente comune che nel 2013 l’American Journal of Clinical Nutrition decise di approfondirlo con uno studio ad hoc. La rivista selezionò in modo casuale 50 ingredienti da un libro di cucina e per ognuno di essi cercò gli studi scientifici che lo mettessero eventualmente in rapporto con l’incidenza del cancro[1]. Per 40 ingredienti su 50 i ricercatori trovarono studi che indicavano una correlazione con qualche forma di tumore, e per la metà di questi 40 (ossia i 20 ingredienti su ognuno dei quali erano disponibili almeno 10 studi) i risultati erano in contrasto l’uno con l’altro: cioè per lo [...]
L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.