La nostra missione

img
Il CICAP esplora i misteri per raccontare la scienza
Il lavoro del CICAP si sviluppa lungo i due settori indicati dal suo motto: Esploriamo i misteri (indagini) per raccontare la scienza (educazione e informazione).

Indagini, verifiche e sperimentazioni

Le indagini, verifiche, sperimentazioni e ricerche condotto dal CICAP a partire dal 1989 nei campi più disparati (parapsicologia, spiritismo, medicine alternative, fantarcheologia, rabdomanzia, fachirismo, paranormale religioso, criptozoologia, ufologia..) sono tantissime. Abbiamo messo alla prova le affermazioni di guaritori, medium, sensitivi, veggenti, stigmatizzati e indagato su presunti casi di possessione, vampirismo e licantropia. Abbiamo condotto perlustrazioni in casi di apparenti infestazioni spiritiche o di poltergeist, come a Caronia.
Abbiamo indagato, compreso e replicato fenomeni come quello dei cerchi nel grano, delle camminate sui carboni ardenti, dei guaritori filippini o delle “voci” ultraterrene del Castello di Azzurrina. Abbiamo smontato pretese teorie della cospirazione come quelle delle scie chimiche o quelle legate agli attentati dell’11 settembre o all’assassinio del presidente Kennedy.
Abbiamo riprodotto in laboratorio, spiegandoli, fenomeni clamorosi come la “liquefazione”del sangue di S. Gennaro, il piegamento di metalli alla Uri Geller, le materializzazioni di Sai Baba, la Sindone, la fotografia spiritica, la registrazione delle voci dei morti o la pietrificazione di cadaveri. In questi casi, il fatto di avere riprodotto con mezzi naturali simili fenomeni non equivale ad affermare di avere spiegato il fenomeno originale, ma indubbiamente dimostra che spiegazioni razionali per esso esistono.
Alla fine di ogni anno, il CICAP sottopone a verifica le previsioni fatte a inizio anno da astrologi e veggenti, finendo inevitabilmente per sbugiardarne le pretese di preveggenza.
Il CICAP inoltre conduce test preliminari per il premio messo in palio da James Randi per chiunque dimostri l’esistenza di fenomeni paranormali in condizioni di controllo scientifico. I soggetti che dovessero superare le prove concordate con il CICAP possono concorrere per il premio di un milione di dollari messo in palio dalla James Randi Educational Foundation.
Ogni anno, infine, il CICAP organizza un Corso rivolto ai soci e dedicato alla formazione di nuovi “indagatori di misteri”: sei o sette incontri per imparare le tecniche di indagine e sperimentazione, di smascheramento di trucchi e bufale e di valutazione delle notizie.

Informazione e divulgazione

Nel campo della divulgazione, il CICAP porta avanti la sua opera per mezzo di conferenze pubbliche, partecipazioni a convegni, dibattiti e tavole rotonde, interventi e collaborazione con le scuole, organizzazione di eventi pubblici come la Giornata Anti Superstizione e allestimento di stand e postazioni informative presso fiere ed eventi legati ai nostri ambiti di attività (come il Salone del libro di Torino o Scienza & Natura Expo).
Quasi quotidianamente i componenti del CICAP rilasciano interviste a giornali, radio, siti web e tv. Inoltre, diversi suoi membri scrivono su testate nazionali di quotidiani e periodici.
Lo stesso CICAP si adopera in campo editoriale, pubblicando le riviste Query e Magia, dvd tratti dai suoi eventi più significativi, oltre a una serie di monografie, come I Quaderni del CICAP, o libri di approfondimento, sempre disponibili anche in versione ebook.
Raccoglie un archivio di ritagli e articoli, oltre a una biblioteca di libri e riviste a disposizione degli studiosi interessati; offre consulenza gratuita a giornalisti e ricercatori e si mette a disposizione per rispondere alle tante persone che si rivolgono ogni giorno al Comitato.
Infine, il CICAP mantiene una presenza multiforme sul web: oltre alle pagine su Facebook e ai canali Twitter e YouTube , mette a disposizione di tutti un sito istituzionale, www.cicap.org (premiato ai Macchianera Awards come miglior sito educational), che contiene migliaia di articoli, approfondimenti e un’enciclopedia con centinaia di voci, e il sito della rivista, www.queryonline.it , particolarmente attento ai temi di attualità (come le bufale giornalistiche) a integrazione degli approfondimenti della rivista cartacea.