Le truffe nel mondo della scienza

I modi in cui gli scienziati imbrogliano si possono raggruppare in due categorie: la prima è manipolare o addirittura inventare i dati o i risultati di uno studio, la seconda include il plagio nelle sue varie forme e in generale il barare sugli autori di un lavoro

img
Jan Hendrik Schön
Nel settembre del 2002 i Bell Labs, uno dei più importanti centri di ricerca privati nel campo della fisica applicata, licenziarono in tronco Jan Hendrik Schön, un brillante fisico di origine tedesca esperto di fisica dello stato solido. Poco dopo gli vennero revocati anche tre importanti premi e, schiaffo finale, nel 2004 l’Università di Constanza gli revocò il dottorato, sulla base di una norma mai usata prima che permette di farlo se la persona si dimostra indegna.

Nei due anni precedenti Schön aveva prodotto straordinari risultati, principalmente nell’uso di materiali organici come semiconduttori, che erano culminati con l’annuncio della creazione di un transistor di dimensioni confrontabili con quelle di una singola molecola: se confermata, sarebbe stata una rivoluzione. Quando ci si accorse che nessun gruppo di ricerca riusciva a riprodurre i suoi risultati cominciarono a nascere i[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.