“Ideologia del gender”

©pixshark.com La scuola italiana, si sa, ha moltissimi problemi e sulle pagine di questa rubrica ce ne siamo più volte occupati. Desta quindi non poca perplessità il fatto che, anziché concentrarsi sulle criticità reali, vi siano persone che intraprendono iniziative e battaglie per cercare di rimediare a problemi che di fatto non esistono. Ci riferiamo alle tante proteste che in diverse parti d’Italia si stanno sollevando contro la presunta introduzione nelle scuole della cosiddetta «ideologia del gender».

In Veneto, ad esempio, il Consiglio regionale ha approvato la mozione (presentata dal consigliere Sergio Berlato di Fratelli d’Italia) che obbliga le scuole a «non introdurre ideologie pericolose per lo sviluppo degli studenti quali l’ideologia gender»[1]. Sempre in Veneto, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro ha inviato una circolare al personale docente di asili nido e scuol[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.