Il pericolo delle pubblicazioni predatorie

img
©Pixabay
Il fenomeno delle pubblicazioni predatorie (predatory publishing) e dei congressi spazzatura (junk congresses) o conferenze truffa (scam conferences – scamferences) è una piaga in aumento e una delle più serie minacce per la scienza contemporanea. Si tratta di “vanity press”, un mercato editoriale scientifico dove chiunque, a fronte di un pagamento, può pubblicare un articolo o presentare una relazione a un congresso. In altre parole, l’autore paga per vedere il suo lavoro pubblicato o per ottenere spazio in sedicenti convegni internazionali. Il problema non è il pagamento in sé. Piuttosto, la vanity press è la degenerazione di un modello di disseminazione scientifica, che ha preso le mosse dalla Budapest Open Access Initiative del 2002 e si è rapidamente affermato con il termine generico di Open Access, il quale ha lo scopo di rendere fruibile la scienza a tutta la comunità, e non solo [...]
L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.