Bambini indaco e bambini di cristallo: la New Age applicata all’infanzia

  • In Articoli
  • 28-11-2016
  • di Giuliana Galati
img
Il protagonista del videogioco The Indigo prophecy è un ragazzo indaco ©Miyaoka Hitchcock
«Ogni scarrafone è bello a mamma soja», dice un proverbio, ma alcuni bambini, oltre a essere, agli occhi dei propri genitori, più belli degli altri, sono anche dotati di maggiore empatia, curiosità, forza di volontà, sono più intelligenti e intuitivi, hanno una spiccata inclinazione spirituale e risultano insofferenti nei confronti dell’autorità, infine hanno dei poteri extrasensoriali: sono i bambini indaco.

I bambini indaco non sono solo bambini speciali, essi vengono considerati il prossimo stadio dell'evoluzione umana e si dice siano arrivati in massa a scardinare le vecchie certezze di un mondo tutto da rifare. Grazie a una nuova umanità più cosciente e, naturalmente, grazie all’amore di cui questi bambini hanno particolarmente bisogno e che a loro volta sanno regalare, l'umanità starebbe piano piano passando a un nuovo stadio evolutivo. Secondo alcuni autori, i bambini indaco, chiama[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.