La magia in punta di dita. Dalle sfere di zolfo al touchscreen

  • In Articoli
  • 24-11-2016
  • di Francesco Grassi
img
Otto von Guericke e l'esperimento della sfera di zolfo
Se idealmente avessimo ibernato un nostro amico negli anni ‘70 riuscendo a riportarlo oggi allo stato cosciente nel mondo reale, potremmo farci una buona idea della ‘magia’ che c’è intorno a noi osservando le sue reazioni ed emozioni di fronte a quello che per noi è banale quotidianità. Non ci facciamo più caso, siamo circondati da prodotti tecnologici stupefacenti ma normalmente non ne conosciamo i principi elementari di funzionamento, né ci stupiamo di come possano avvenire delle cose così spettacolari sotto i nostri occhi o sotto le nostre dita. Abbiamo interiorizzato gesti che sono ormai naturali e scontati a tal punto che ci succede di eseguirli anche in contesti in cui non hanno senso; un mio amico ha tentato un paio di volte di fare uno zoom su una fotografia cartacea prima di rendersi conto che non aveva in mano uno smartphone. Ecco, quante volte abbiamo usato un touchscreen? Qua[...]
L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.

Categorie

Sullo stesso argomento

Prometeo